AIBAM - Associazione Imprese Bonificatori Amianto


Amianto e ADR


Breve approfondimento sul Trasporto su strada dei rifiuti contenenti Amianto.


Per visualizzare il documento apri il Link seguente: Amianto e ADR

_________________________________________________


Amianto: riordino della normativa; in arrivo il Testo unico

Il  29/11/2016, in occasione della “II Assemblea nazionale sull’amianto”  che si è tenuta a Palazzo Giustiniani, promossa dalla stessa Commissione del Senato, è stato presentato il disegno di legge che mira, fra l’altro, a far confluire e riordinare in un Testo Unico tutte le norme attualmente vigenti o emanande.

La proposta di legge prevede di raccogliere, in un solo provvedimento, leggi e norme riguardanti l’ambiente, la salute, la sicurezza sul lavoro, le misure previdenziali, le sanzioni e gli incentivi connessi all’amianto.

Il disegno di legge si compone di 128 articoli, suddivisi in otto titoli, prevede:

-  estensione dell’applicazione delle norme amianto a edifici pubblici, privati, mezzi di trasporto, macchinari e siti dismessi;

-  introduzione del soggetto titolare di obblighi per bonifica amianto;

-  obbligo per medici e Asl di trasmissione patologia accertata al Renam che diviene registro di tutti i tumori da asbesto;

-  computo di ferie e permessi nei 10 anni per il beneficio pensionistico;

-  istituzione dell’Agenzia nazionale amianto;

-  la sicurezza sul lavoro e prevenzione anche sul rischio indiretto e sui rischi per l’ambiente esterno.

Il video integrale dell’evento è visibile al sito web seguente:

http://webtv.senato.it/webtv_evento?video_evento=3160

_________________________________________________


GREEN ECONOMY: le novità per gestione rifiuti e rimozione amianto


Lo scorso 22 dicembre è stato approvato dal Senato il disegno di legge recante "Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell’uso eccessivo di risorse naturali" (il cosiddetto "Collegato ambientale" alla Legge di Stabilità).

Il provvedimento riguarda, tra gli altri, anche i seguenti  temi: la valutazione di impatto ambientale, la gestione dei rifiuti, la prevenzione del dissesto idrogeologico, green economy e la tutela del suolo.

Nello specifico, per quanto riguarda il discorso amianto, si legge: "Per i soggetti titolari di reddito d’impresa che effettuano nell'anno 2016 interventi di bonifica dall'amianto su beni e strutture produttive ubicate nel territorio dello Stato è attribuito, nel limite di spesa complessivo di 5,667 milioni di euro per ciascuno degli anni 2017, 2018 e 2019 un credito d’imposta nella misura del 50% delle spese sostenute per i predetti interventi nel periodo di imposta successivo a quello in corso alla data di entrata in vigore della presente legge. Il credito d’imposta non spetta per gli investimenti di importo unitario inferiore a 20mila euro".

In sintesi tutte le imprese che, a partire dal 2015, hanno effettuato o effettueranno interventi di ristrutturazione di fabbricati e capannoni che comporteranno, tra l'altro, la bonifica dell'amianto potranno accedere a un credito d’imposta pari al 50% della somma spesa a tale scopo, a condizione che il costo affrontato per bonificare l’amianto sia pari almeno a 20 mila euro.


_____________________________________________


Articolo pubblicato su "Il Sole 24 ore",  con intervista al Presidente dell'AIBAm ing. Nicola Giovanni GRILLO.

Articolo

















__________________________________________________________

Amianto, arriva l'incentivo per le imprese: credito d'imposta del 50%
Un credito di imposta del 50% per le imprese che effettuano interventi di rimozione dell’amianto. Lo prevede un emendamento al Collegato Ambiente, approvato dalla Commissione Ambiente del Senato, che stanzia 5,536 milioni di euro per il 2015 e 6,018 milioni per ciascuno degli anni 2016 e 2017 (vedi allegato in basso).

Il beneficio è riconosciuto ai titolari di reddito d'impresa che dal 2016 effettueranno interventi di bonifica dell'amianto su beni e strutture produttive, con costi superiori ai 20mila euro. Il credito di imposta sarà ripartito in tre quote annuali di pari importo. La prima sarà utilizzabile a decorrere dal 1° gennaio del periodo di imposta successivo a quello in cui sono stati effettuati gli interventi di bonifica. Le altre verranno utilizzate nelle dichiarazioni dei redditi dei periodi di imposta successivi. Dal momento che il beneficio è riconosciuto per gli interventi realizzati nel 2016, gli anni in cui utilizzare il credito d’imposta saranno il 2017, 2018 e 2019.

Il credito di imposta non concorrerà alla formazione del reddito né della base imponibile Irap.

Per usufruire del credito di imposta si dovrà compilare il modello F24 online. Le altre istruzioni operative saranno contenute in un decreto del Ministero dell’Ambiente, da adottare in collaborazione con il Ministero dell'economia e delle finanze.

http://www.bonifiche.minambiente.it/piano_amianto.html

Sono stati prorogati fino al 31/12/2015 gli ecobonus sulle bonifiche amianto

Smaltendo oggi il tuo amianto, fino al 31 dicembre di quest'anno avrai la possibilità di detrarre sulla dichiarazione dei redditi fino al 65% della spesa.

Per saperne di più clicca sul seguente link http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/02/04/ecobonu

_________________________________________________________

Imprese che effettuano attività di smaltimento o bonifica dell'amianto; Obbligo di relazione annuale

Le imprese che “… che svolgono attività di smaltimento o bonifica dell’' amianto” devono inviare entro il 28 febbraio di ogni anno la relazione annuale sulla attività svolta nell’' anno precedente, compilata su apposito modulo. La comunicazione va fatta alle Regioni e al Servizio di Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro dell' Azienda Sanitaria Locale, nel cui ambito di competenza si svolgono le attività dell' impresa.

Nella relazione devono essere indicati:

ü i tipi, le caratteristiche e i quantitativi dei rifiuti di amianto prodotti dalle ditte autorizzate impegnate nell'attività di smaltimento o di bonifica;

ü le attività svolte, i procedimenti applicati, il numero e i dati anagrafici degli addetti, il carattere e la durata delle loro attività e le esposizioni dell'amianto alle quali sono stati sottoposti
le misure adottate o in via di adozione ai fini della tutela della salute dei lavoratori e della tutela dell' ambiente.

L’' omissione dell’' obbligo è sanzionata in via amministrativa con pena pecuniaria da euro 2.582 a euro 5.164.

La relazione deve contenere le informazioni indicate all’' art. 9, comma 1, lett. a), b) c) e d) della Legge 27/03/92, n° 257, [Norme relative alla cessazione dell’impiego dell’amianto] e deve essere redatta secondo lo specimen riportato nella Circolare Ministeriale 17/02/93, n° 124976 [Modello unificato dello schema di relazione di cui all' ’art. 9, commi 1 e 3, della Legge n° 257/92, concernente le imprese che utilizzano amianto nei processi produttivi o che svolgono attività di smaltimento o di bonifica dell’' amianto].

Legge 27/3/92, n° 257

Art. 9 - Controllo sulle dispersioni causate dai processi di lavorazione e sulle operazioni di smaltimento e bonifica

1. Le imprese che utilizzano amianto, direttamente o indirettamente, nei processi produttivi, o che svolgono attività di smaltimento o di bonifica dell'amianto, inviano annualmente alle regioni, alle province autonome di Trento e di Bolzano e alle unità sanitarie locali nel cui ambito di competenza sono situati gli stabilimenti o si svolgono le attività dell'impresa, una relazione che indichi:

a) i tipi e i quantitativi di amianto utilizzati e dei rifiuti di amianto che sono oggetto dell'attività di smaltimento o di bonifica;

b) le attività svolte, i procedimenti applicati, il numero e i dati anagrafici degli addetti, il carattere e la durata delle loro attività e le esposizioni all'amianto alle quali sono stati sottoposti;

c) le caratteristiche degli eventuali prodotti contenenti amianto;

d) le misure adottate o in via di adozione ai fini della tutela della salute dei lavoratori e della tutela dell'ambiente.



News
L'Associazione
Modulo d'iscrizione
Convegni - Corsi
Libri
Partner - Link Utili
Le normative sull'Amianto
Contatto rapido
Pronto Amianto


Aggiornamenti normativi e altre notizie riguardanti l'Amianto

Site Map